Educatore: con un tuchelin de carta, te se andé a fa su el Dome!

Non ho mai avuto una grande manualità. La mia mano è abituata a tenere la penna e le dita battono veloci sulla tastiera del computer, ma i rari tentativi di utilizzare colori e pennelli sono sempre stati piuttosto goffi e maldestri. Una cara amica arte terapeuta, ridendo,  mi ha sempre detto che il mio codice espressivo grafico – pittorico si è fermato agli otto anni e non posso certo darle torto. Eppure, credo di aver fatto progressi in tal senso o, almeno, ci sto provando.

Stamattina, durante le ore dedicate al laboratorio creativo, devo averci provato con così tanto impegno che una delle signore vedendomi ritoccare, aggiungere particolari, curare dettagli, ha esclamato in puro milanese: con un tuchelin de carta, te se andé a fa su el Dome!

Ebbene, penso che la simpaticissima e perspicace signora abbia compreso di me più cose di tanti intelligentoni che conosco. L’obiettivo dell’educatore (e forse anche  dell’artista) in fondo è proprio quello: creare, partendo da ciò che è, da ciò che esiste e continuare, seguendo e sostenendo un processo di cambiamento e di trasformazione da cui egli stesso non è esente. Il risultato sarà unico e originale e gli strumenti utilizzati non potranno prescindere dalla fantasia e dalle competenze.

Per questo motivo, anche se sono calabrese,  io continuerò a fare di ogni pezzettino di carta il Duomo, magari con l’aiuto della mia preziosa signora milanese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...