La più amata

Alcune librerie della mia città mi hanno proposto la conduzione di alcuni gruppi di lettura. Un gradito impegno settimanale che mi stimola a fare una delle cose che amo di più: leggere! E naturalmente condividere con voi le mie letture.

Il libro di cui vi parlerò oggi è La più amata di Teresa Ciabatti (Edizioni Mondadori).

La più amata è un romanzo autobiografico ambientato nell’Italia  degli anni 70-80.    Sullo sfondo appaiono personaggi controversi della politica italiana, primo fra tutti Licio Gelli. (Lo stesso zio dell’autrice, Dante Ciabatti, risulta essere coinvolto nel golpe Borghese del 1970). Ma cerchiamo di conoscere i personaggi un po’ più da vicino.

Teresa è figlia di un ricco e potente primario che tutti chiamano il Professore, presumibilmente affiliato alla loggia P2. L’autrice racconta la sua infanzia da bambina viziata, cresciuta all’ombra della figura paterna percepita come onnipotente. Padre amato e odiato con uguale intensità.                                                                                              La bambina diventerà un’adolescente problematica, pronta a servirsi dello status del padre e della sua immane ricchezza per essere accettata dai coetanei. Ma nemmeno Teresa sarà esente da conflitti e tensioni. Questi regolamenteranno i suoi rapporti con i genitori e in particolar modo con il padre.                                                                                Attraverso la narrazione Teresa, ormai adulta,  tenterà di liberarsi dalla sua ossessione ricordando, creando, inventando fino a smarrire i confini tra eventi realmente accaduti o solo narrati.                                                                                                                                          Renzo, il padre, è un uomo sadico e avaro. Esercita un potere indiscusso sulla famiglia e sui  sottoposti. Ha fama di uomo generoso e disponibile, tutti gli devono qualche favore. Non è  bello, non è elegante. È un uomo lucido, razionale e calcolatore. Possiede un anello, che sparirà alla sua morte, facilmente identificabile come simbolo di appartenenza alla massoneria. Renzo sarà sequestrato da ignoti che lo preleveranno nella sua villa, davanti a moglie e figli.  Il sequestro sarà uno dei nodi principali della trama.                                                                                                                                                      Il mistero intorno al personaggio non verrà mai svelato. Ha punito o protetto la famiglia dai suoi traffici illeciti?                                                                                                            Francesca, la madre, è una giovane anestesista. Idealista e anticonformista, ben rappresenta la nuova donna moderna, indipendente e comunista! Tiene a distanza gli uomini fino a quando non incontra Renzo, primario dell’Ospedale nel quale Francesca prende servizio.                                                                                                                      Francesca ama Renzo, ma intuisce che l’uomo è invischiato in strani affari e assumerà un investigatore privato per conoscere la verità e svelarne i misteri.

Il linguaggio è semplice. Il libro è privo di dialoghi strutturati. Questi avvengono come se fossero parlati o pensati.                                                                                                            Numerosi gli sbalzi temporali che portano il lettore avanti e indietro nella vita dei personaggi. Strutturalmente ben definiti e individuabili, la confusione del lettore è minima.                                                                                                                                                    I dati biografici si mischiano agli elementi romanzati. Il ritmo è sostenuto, le numerose anticipazioni conferiscono al libro un buon livello di suspence. Ben narrato il sequestro che resterà sempre un mistero. L’autrice è chiara quando afferma di “creare, ricordare, collegare”; lo è meno quando  racconta  creando delle aspettative che, in qualche occasione, verranno poi disattese.                                                                                                  Strategie per incuriosire il lettore?

Potremo parlare di questo libro e di tutti gli elementi tecnici e narrativi che lo compongono  mercoledì 25 ottobre dalle ore 21 alle ore 22 in libreria.

Per info e prenotazioni: Libreria Mondadori Acqui Terme 0144/356961

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...