La costruzione di un sogno – Libro d’artista

Dopo la pubblicazione di Vorrei cambiare il mondo – raccolta di poesie, aforismi e racconti realizzati all’interno del Laboratorio di Scrittura Creativa da me condotto in Comunità per minori – ho cercato di ridare senso e qualità alla mia professione di Educatrice Professionale o Edu – scrittrice che dir si voglia, realizzando un altro libro, unico nella sua imperfezione. Il libro in questione è, infatti, scritto interamente a mano e per mesi è rimasto a dispozione di chiunque abbia voluto lasciarvi traccia di sè. Una scelta da me operata con l’obiettivo di ridurre le distanze tra chi è dentro e chi è fuori dai contesti di cura, per loro stessa natura ghettizzanti e oggetto di pregiudizi e stereotipi. Il “tema” del libro è stato scelto dagli stessi autori e la simbiosi  tra contenuto e titolo ha portato alla stesura de La costruzione di un sogno (di cui ho già scritto in precedenza). Il libro o meglio, il prezioso quaderno con copertina in carta di riso e pagine in carta rigorosamente riciclata, unisce parola e immagine e utilizza quest’ultima come stimolo e veicolo per favorire il contatto con le proprie emozioni. Il metodo, largamente utilizzato e abusato sui social network, conferisce alla parola scritta una forte connotazione emozionale e sfrutta il canale comunicativo privilegiato dagli adolescenti, conferendogli, in questo caso, la dignità di strumento espressivo-creativo, grazie alla elaborazione e ri-elaborazione del forte substrato emotivo dei suoi contenuti. Ve ne propongo un estratto che ne costituisce anche una sorta di incipit sotto forma di micro-racconto. Esso contiene cinque definizioni di sogno, date da altrettanti ragazzi. Io le ho solo messe insieme 🙂

C’era una volta un sogno… di giorno lo chiudevo in un cassetto e, in ogni notte buia, andavo a riprenderlo affinché mi tenesse compagnia. Era così bello e rilassante sognare di notte! Un giorno decisi di aprire il cassetto per controllare se il mio sogno fosse sveglio o addormentato; non ci crederete, ma il cassetto era vuoto! Ci rimasi male, ma poco dopo capii che il mio sogno non mi aveva abbandonato bensì aveva solo scelto di realizzarsi! Ne riposi un altro nel cassetto e aspettai la notte ormai sicura che un sogno può anche trasformarsi in realtà se noi lo vogliamo!

Marinella Brizza WHB

 

 

 

3 thoughts on “La costruzione di un sogno – Libro d’artista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...